track
www.youtube.com

“Facciamo track perché siamo solo la replica di noi stessi, perché siamo solo sangue arrabbiato ma non abbiamo né le palle né la lealtà di difendere un’idea, un moto, un’illusione o la diversità del mutamento.
Facciamo track perché abbiamo permesso al nostro cuore di distrarsi.
Dobbiamo fare track perché non siamo altro che il simulacro di un sogno… e saperlo fa male.”

Con
Andrea Fardella e Camilla Parini

Scenografia
Teatro delle Radici / Massimo Palo

Assistente regia
Bruna Gusberti

Testo e regia
Cristina Castrillo

“L’anormalità” e il disagio visti attraverso gli occhi di due figure che da quella emarginazione provano a disegnare il contorno di una nuova sopravvivenza.
La “diversità” che cerca in questa esclusione dal mondo, in questa impossibilità di comunicare gli strumenti di una propria convivenza con gli affetti e i sentimenti importanti.

Essere giovani e porsi delle domande.

Essere giovani e non avere delle risposte.

Essere adulti e porsi delle domande.

Essere adulti e non avere delle risposte.